Browsing Category

Dolci e Lievitati

Dolci, Dolci e Lievitati, Pasqua

Pizza cresciuta di Pasqua dolce

pizza

Pizza cresciuta di Pasqua dolce

Tempo di preparazione:  Minuti
Tempo di cottura:  Minuti
Livello di difficoltà: Media

pizza1

La Pizza cresciuta di Pasqua è un semi-dolce della tradizione Romana che viene mangiato la mattina di Pasqua insieme alle uova sode, corallina e cioccolata… Non so esattamente perchè viene chiamata “pizza” dato che deve risultare bella alta, lievitata, scura fuori e molto soffice all’interno (una specie di panettone).
C’è chi aggiunge del liquore all’intero, ma originariamente non c’era. Piuttosto venivano aggiunti aromi e spezie, ritenute “ricche”.
Ecco perchè in casa ci sarà un buonissimo profumo di anice e cannella…

 

Ingredienti per il lievitino Ore 09:30

100 gr di farina manitoba
15 gr di lievito di birra fresco
100 cc di acqua tiepida

Procedimento per il lievitino 

In un contenitore capiente, sciogliere il lievito nell’acqua tiepida, lasciare riposare 2 minuti. Unire i 100 gr di farina manitoba e con l’aiuto di una forchetta, mescolare bene l’impasto fino a far assorbire tutta la farina. L’impasto risulterà molto morbido. Coprire e lasciar lievitare per 4 ore.

 

Ingredienti per l’impasto ore 13:30

300 g di farina 00
100 g di farina manitoba
5 gr di sale
150 g di zucchero
4 uova
1 cucchiaio di cannella in polvere
1 cucchiaio di semi di anice
la scorza grattata di limone non trattato
la scorza grattata di un arancio non trattato
100 g di olio di semi (oppure 75 strutto e 25 burro)

Procedimento per l’impasto

Sbattete leggermente le uova con lo zucchero.
Nella planetaria trasferire il lievitino, ed azionare lentamente.
Unire, alternando, le uova con lo zucchero, le farine ed il sale, impastate a velocità bassa.
Aggiungere le spezie aumentando la velocità.
Versare l’olio a filo in 3-4 volte. Aspettando che il precedente sia stato assorbito.
L’impasto deve incordare (30 minuti di lavorazione).
Alla fine, risulterà piuttosto morbido.

NOTA BENE:
Se usate il Bimby, impostate 20 minuti velocità Spiga.

Ungete leggermente le mani con olio o burro e sul piano da lavoro, pirlate (trovate dei video su youtube) per dargli la forma a palla l’impasto.
Trasferire l’impasto nello stampo, riponete nel forno spento e lasciate lievitare sino a quando non raggiunge il bordo. Circa 6 ore.
<<Monitorate la crescita. Ogni casa ha una temperatura diversa e magari, per voi ci vorrà meno tempo>>
pizza2

Quando l’impasto ha raggiunto il bordo:
Accendere il forno a 190°, attendere 3-4 minuti e versare sul fondo mezzo bicchiere di acqua in modo da creare umindità. Infornare, abbassare la temperatura a 180°, chiudere lo sportello e non riaprirlo per 40 minuti.
Fare la prova stecchino non dalla cupola ma da bordo andando verso il centro.

E’ deliziosa!
La nostra Pizza cresciuta di Pasqua dolce
Il colore scuro dipende dalla cannella. Soffice come una nuova ed un sapore che porta indietro nel tempo…

Se vi fa piacere, seguite la mia pagina Facebook —> https://www.facebook.com/comeunapentoladifagioli/
ed il mio profilo Instagram —>  https://www.instagram.com/michela.ross/?hl=it

http://Come una pentola di fagioli

 

Dolci, Dolci e Lievitati

Saccottini al cioccolato

saccottini 4

Saccottini al cioccolato

Avete presente quel momento in cui siete a casa ed arriva un irrefrenabile voglia di fare un dolce? Uno di quelli che preferite? Bene… Questo mi è successo ieri sera! 😀 Ho cosi iniziato ad impastare per preparare i Saccottini al cioccolato.

Il procedimento è un po lunghino ma poi ne sarete orgogliose!

saccottini 4

Ingredienti

600 gr farina
140 ml acqua
100 ml latte
90 gr zucchero
30 gr sale
1 bustina lievito istantaneo oppure 18 gr di lievito di birra
45 gr burro morbido
250 gr burro tagliato a fette 1cm
1 uovo battuto
Cioccolata

 

Preparazione

In una grande ciotola, sciogliere il lievito nell’acqua, aggiungere il latte, lo zucchero, il lievito, il sale e il burro. Aggiungere la farina e mescolare grossolanamente con un cucchiaio di legno.

Quando l’impasto inizia a formarsi, girarlo su un bancone pulito, impastare leggermente la pasta e formare una palla, facendo attenzione a non impastarla eccessivamente. Deve risultare “grumosa”.

Coprire l’impasto con la pellicola trasparente e conservare in frigorifero per un ora.

Nel frattempo, tagliare il burro freddo a fette di 1 cm circa, e posizionare (le fette) una a fianco all’altra su un foglio di carta forno, mettete un altro foglio di carta forno sopra il burro e battetelo con un mattarello in modo da ottenere un pezzo unico e quadrato di 18 cm circa.
Trasferire lo strato di burro in frigorifero.

Passato il tempo dell’impasto, infarinare leggermente il bancone, mettere l’impasto sul bancone e spingere il mattarello una volta in verticale nell’impasto e una volta in orizzontale per formare una specie di croce.
Stendere e formare un quadrato di 25 cm circa.

Mettere lo strato di burro sopra l’ impasto quadrato e piegare i lati (dell’impasto) sul burro, avvolgendolo completamente. Quindi prima il lato superiore, poi il lato inferiore dopodichè il lato di sinistra sopra ed infine il destro a concludere.

Stendere un pochino l’impasto con il mattarello per sigillare le cuciture, avendo cura di allungare l’impasto piuttosto che allargarlo.

Trasferire l’impasto in una teglia da forno e coprire con pellicola trasparente. Mettete in frigo per 1 ora.

Riprendere l’impasto e metterlo su una superficie infarinata. Stendere fino a quando non è di 20×61 cm circa. Piegare la metà superiore verso il basso, fino a metà. Togli la farina in eccesso e piegare la metà inferiore sopra la parte superiore e girare l’impasto in senso orario con le 3 pieghe a destra. Questo completa il primo turno.
Coprire e conservare in frigorifero per un ora.

Ripetere questo procedimento ancora due volte e mettere in frigo per 1 ora tra ogni turno.
Dopo l’ultima procedura, coprire l’impasto con pellicola trasparente e conservare in frigorifero per una notte.

Attenzione! Se in qualsiasi momento durante le pieghe l’impasto o il burro iniziano ad ammorbidirsi, fermarsi e trasferirli nuovamente in frigorifero fino al raffreddamento.

Per formare i croissant, gira l’impasto con le pieghe verso di voi (non più a destra) e tagliate l’impasto a metà. Mettine una metà nel frigorifero.
Infarinare la superficie e stendere l’altra metà in una striscia lunga e stretta, di circa 20×101 cm
Con un coltello, taglia i bordi dell’impasto in modo da ottenere (più o meno) un rettangolo.
Tagliare la pasta in 4 rettangoli.

Mettere il cioccolato sul lato corto del rettangolo e arrotolarlo strettamente nell’impasto.
Disporre i croissant su una teglia coperta da carta forno, con la cucitura rivolta verso il basso.
saccottini
Ripeti con l’altra metà dell’impasto che era in frigorifero.
Spennellare i croissant con l’uovo sbattuto. (Metterlo in frigo per dopo).

Posizionare i croissant in un luogo caldo per farli lievitare fino al raddoppio.
saccottini 2
Preriscaldare il forno a 200 °C.
Passate un altro strato di uovo sbattuto sui croissant e spolverate con zucchero.

Cuocere per 15 minuti o fino a doratura e li vedrete sfogliare in forno
(se farete bene tutte le procedure 😉 )!
saccottini 3

Sfornati, godete di queste meraviglie! <3

Potete seguirmi:
su FACEBOOK —>QUI
su iNSTAGRAM —-> QUI 

Vi Aspetto 😀

Dolci, Dolci e Lievitati, Natale

Panettone al pistacchio

Panettone2

Panettone

Finalmente il Panettone!

Impresa ardua ma alla fine ce l’abbiamo fatta. E si, perché in realtà il Panettone è leggermente più complesso rispetto al Pandoro ma con questa ricetta che mi ha passato la mia amica Clara, è assolutamente realizzabile! Io l’ho rivisitato un pochino. Come? Seguite la ricetta passo passo e sicuramente anche voi riuscirete nell’intento ma la cosa che non dovete fare è: spaventarvi e dire che non ce la potete fare! Ce la fate, ce la fate.. Quindi all’opera!

Un unico impasto per avere un Panettone bu o ni ssi mo! Morbido, e soffice con quel profumo che sa di Panettone! E se siete arrivati a leggere fino a qui.. Dovete provarlo assolutamente!

Il procedimento è più breve perché è pensato proprio per chi lavora o per chi non ha molto tempo ma vuole comunque un ottimo e sottolineo OTTIMO risultato.

Ingredienti per 1 panettone da 1 kg

Crema al pistacchio

  • 500ml di crema pasticcera
  • 200/250 gr crema di pistacchio (a gusto proprio)

Preparare la crema pasticcera e quando è ancora calda, versare all’interno la crema di pistacchio. Mescolare bene e lasciar freddare.

Biga

  • 50 gr farina
  • 25 gr acqua
  •  5 gr ldb

Sciogliere il lievito nell’acqua, aiutandosi con la coda di una forchetta ed aggiungere la farina. Rendere il composto omogeneo. Far lievitare per 1 ora circa (fino al raddoppio)

Impasto unico

  • 312 gr di farina W360 – 400
  • 127 gr di acqua
  • 142 gr di zucchero
  • 30 gr di Miele
  • 8 tuorli  (uova medie)
  • 175 gr di burro  freddo di frigo
  • 4 gr di sale
  • 150 gr di arancia candita a pezzettini
  • Buccia grattugiata di 2 arance
  • 1 stecca di vaniglia
  • 2 cucchiai di liquore all’arancio
  • 150 gr gocce di cioccolato

 

Procedimento

Versare nell’impastatrice la farina, l’acqua, la biga, il liquore, il miele e la buccia delle arance. Addizionare lo zucchero ed i tuorli d’uovo alternandoli, a più riprese.
L’impasto inizia ad amalgamare bene, quindi aggiungere il burro poco per volta ed incordare.
Aggiungere infine il sale e far assorbire bene. Per ultimi, l’arancia candita tagliata a pezzettini o se preferite frullata è fatta diventare pastosa e poi le gocce di cioccolato.

Asciugare l’impasto portando le parti esterne verso l’interno, pirlare su un piano da lavoro e mettere a lievitare a temperatura ambiente fino al raddoppio.
Una volta che l’impasto è bel lievitato, pirlare di nuovo in modo abbastanza stretto e mettere all’interno del pirottino di carta. Lasciar lievitare ben chiuso in modo che non passi l’aria (utili le buste della spesa in plastica), fino a quando la cupola del Panettone raggiunge il bordo.
Cuocere a 160° per circa 40 minuti.

Sfornare, infilare con dei ferri da lana e capovolgere a testa in giù in modo che non smonti la cupola. Lasciare così fino al giorno successivo.

Attenzione: prima di infornare, le piu audaci, possono lasciar riposare circa 15 minuti all’aria aperta il Panettone, dopodiché con una lama liscia, tagliare superficialmente, a croce, la cupola senza affondare troppo la lama, al centro mettere un pezzetto di burro e cuocere a 160° per circa 30 minuti.

N.B. È possibile far lievitare l’impasto in frigo per tutta la notte (12 ore circa) una volta terminato i passaggi con l’impastatrice, per poi proseguire con il procedimento il mattino seguente.

Una volta ben raffreddato,create dei fori sulla cupola è con l’aiuto della sac a poche, spremere all’interno la crema al pistacchio. Potrebbe anche terminare qui ma se siete proprio golose come me ? ed avete del cioccolato bianco, fatelo sciogliere con 2 cucchiai di crema pure di pistacchio e versare sulla cupola aggiungendo qualche pistacchio senza sale. Ed voilà!

Provate questa ricetta, nessuno dice sia semplice ma immaginate la soddisfazione dopo??

E se vi va, seguite la mia pagina Facebook ed il mio profilo Instagram.

Panettone2

BIMBY, Dolci, Dolci e Lievitati

Maritozzi alla panna morbidi

Maritozzi alla panna morbidi

Maritozzi alla panna morbidi

Le brioche Romane che fanno sorridere il cuore sono i Maritozzi alla panna morbidi che oggi vi presento. Sono ottimi per la colazione.. ma anche per la merenda. Insomma, ogni occasione è buona per mangiarne uno! I maritozzi sono nati a Roma, sono delle brioche dolci molto morbide farcite con la panna. Anche se ora, ognuno le farcisce un po come meglio crede, secondo il proprio gusto. Con panna e cioccolato, con la crema al pistacchio, cioccolato fondente, crema e cosi via. Oggi, io, vi presento le classiche ma ovviamente, una volta preparate le brioche, potete seguire il vostro gusto :D.

Abbiamo preso tutti gli ingredienti? Allora siamo pronte…

Maritozzi alla panna morbidi

Ingredienti per 12 piccole brioche come da foto

10 gr di lievito fresco
100 ml di acqua
50 ml di latte
80 gr di zucchero
1 uovo
1 cucchiaino di miele
5 gocce di essenza d’arancia
5 gocce di essenza alla vaniglia o mezzo cucchiaino di estratto o mezza bacca
220 gr di farina manitoba
80 gr di maizena o frumina
35 gr di strutto
10 gr di sale
2 cucchiai di latte —-> per spennellare

Maritozzi alla panna morbidi3

Preparazione (per la ricetta con il BIMBY a fine pagina)

Per prima cosa sciogliere il lievito sbriciolato con il latte ed un cucchiaio di zucchero. Far lievitare coperto per 1 ora.
In una ciotola capiente (o nella planetaria) aggiungere la farina, il restante zucchero, il miele, l’uovo, la vaniglia, l’essenza d’arancia e mescolare bene fino ad ottenere un impasto molto morbido e liscio. Aggiungere lo strutto a fiocchi, a poco a poco. Aggiungere il sale. L’impasto dovrà risultare appiccicoso, elastico, morbido e senza grumi.
*
A questo punto, portare l’impasto in un contenitore (aiutatevi con i polpastrelli sporchi di farina), coprire con pellicola trasparente e canovaccio e posizionare all’interno del forno, spento, con luce accesa per un 1:30 o fino al raddoppio.
Terminato il tempo di lievitazione, dividere l’impasto in 12 palline lisce. Metterle in una teglia coperta da carta forno, coprire e far lievitare per 1 ora.
Spennellare con il latte facendo attenzione a non sgonfiare le palline ed infornare in forno pre-riscaldato a 180° per 10-15 minuti. saranno pronte, appena inizieranno a dorare. Se si scuriscono troppo in cottura, non resteranno molto morbide una volta fredde.
Lasciarle freddare, tagliarle al centro con un coltello a lama liscia e farcirle con abbondante panna montata zuccherata. Spolverare con zucchero a velo! Sono morbidissime e davvero davvero buone.
*Stesso procedimento per chi utilizza il Bimby.

N.B. Se volete prepararle e farcirle il giorno dopo, dovrete tenere le brioche all’interno di un contenitore ermetico.

>>>>>>Ricetta per il Bimby<<<<<<

Nel boccale del Bimby inserire il lievito sbriciolato, il latte, l’acqua e lo zucchero: 1 min, 37° vel 3.
Aggiungi la farina, la maizena, l’uovo, la vaniglia, l’essenza d’arancia, il miele: 4 min, vel Spiga. Mentre le lame sono in movimento, aggiungere lo strutto a poco a poco.
Seguire lo stesso procedimento dall’ * (asterisco).

Potete seguirmi anche su
Facebook
Instagram

BIMBY, Dolci, Dolci e Lievitati

Panini dolci al cioccolato fondente

Panini dolci al cioccolato fondente

Panini dolci al cioccolato fondente

Oggi vi faccio vedere come preparare dei morbidissimi panini dolci al cioccolato fondente simili pangoccioli. Sono dei soffici e morbidi panini di brioche dolce con gocce di cioccolato fondente. Ideali per la merenda dei vostri bambini ma non solo… piacciono molto anche ai grandi!

Andiamo a vedere come prepararli..

>>>>>> Per la ricetta con il Bimby, in fondo alla pagina <<<<<< Panini dolci al cioccolato fondente2

Ingredienti per circa 12-15
400 gr farina manitoba
100 gr di frumina
150 ml latte
100 mL di acqua
25 gr lievito di birra fresco (cubetto)
180 gr zucchero
pizzico di sale
60 gr strutto
1 uovo
scorza di mezza arancia
mezza bacca di vaniglia

150/200 gr di gocce di cioccolato fondente

1 tuorlo d’uovo
latte q.b.

Preparazione

Per prima cosa, sciogliete il lievito nel latte a temperatura ambiente e mescolare con l’aiuto di una forchetta.
In una ciotola capiente, inserire la farina, lo zucchero, l’essenza arancia, la vaniglia ed iniziare a mescolare.
Aggiungete l’uovo continuando ad impastare. Addizionare il latte con il lievito sciolto.
Aggiungere il sale impastando energicamente.
Quando l’impasto sarà omogeneo, senza grumi, aggiungere lo strutto a pezzi, un po per volta fino a quando sarà ben inglobato nell’impasto e quest’ultimo risulterà elastico, liscio e morbido.
(Da qui, stesso procedimento anche per il Bimby)
Formate una palla sul piano da lavoro e trasferitelo all’interno di un altra ciotola precedentemente unta.
Coprire con la pellicola o con il coperchio della terrina e lasciate lievitare fino al raddoppio nel forno con luce accesa e con un pentolino di acqua bollente alla base del forno.
Quando l’impasto sarà ben lievitato, adagiarlo sul piano da lavoro ed allargarlo con la forma di un rettangolo. Aggiungere sopra impasto le gocce di cioccolato e piegare a libro —> quindi i due lati piu corti verso il centro per poi ripiegare su se stessi.
Procedere in questo modo per 3-4 volte e lasciar lievitare per 30 minuti coperto.
Passato il tempo di riposo, dividere l’impasto in palline di circa 90/100 gr l’una, metterle distanziate su una teglia oliata e far riposare per 1 ora, coperte.
Spennellare i panni lievitati con il tuorlo e il latte mescolati.
Infornare a 180° per 25 minuti. Lasciate raffreddare.

>>>>>> RICETTA BIMBY <<<<<< Preparazione

Nel boccale del Bimby inserire il latte: 3 min, 37 gradi, vel. 2.
Aggiungete il lievito sbriciolato, lo zucchero, la vaniglia e l’essenza arancia: 1 min, vel 3.
Unire la farina e l’uovo: 20 sec, vel 4.
Aggiungere il sale: 4 min, vel Spiga —> in movimento delle lame, aggiungere lo strutto un po per volta dal foro. Togliere l’impasto dal boccale e proseguire con il procedimento sopra descritto.

Potete trovarmi anche su
Facebook
Instagram

Dolci, Dolci e Lievitati

Fiocchi di neve

fiocchi2

Fiocchi di neve

Oggi, nella cucina di Come la pentola di fagioli, vi presento I fiocchi di neve.
Cosa sono?
Sono un dolce che sta spopolando a Napoli e sono prodotte dalla pasticceria Poppella e dal tarallificio Leopoldo.
Io le ho conosciute su internet tempo fa, quando cercavo un altra ricetta sullo storico canale di ricerca. Mi sono apparse così all’improvviso, ma aprendo la foto non c’era la ricetta; ne parlavano, spiegando solo cosa fossero. Poi, grazie ad una “gara” fra blogger, Clara del blog Pasta patate e fantasia le ha presentate per partecipare e finalmente ecco la ricetta! <3 Sono soffici soffici e ripiene di una dolce crema. Io, come al solito, tendo a modificare qualcosa delle ricette, andando a gusto. In questo caso, ho fatto qualche variazione della crema. Qui trovate le nuvole di Clara mentre qui trovate il fiocco di neve delle socie di Clara in gara, che si differenzia per un’ aggiunta nella crema.
Io, mi sono avvicinata più alla seconda versione ma adattandola comunque al mio gusto. (La differenza è davvero minima)!

Alla fine della ricetta troverete un video per far capire come deve essere l’impasto dei fiocchi di neve….

fiocchi

Ingredienti Per 20 fiocchi di neve
125 gr di farina manitoba
100 gr di farina 00
40 gr di burro
40 gr di zucchero
85 gr di latte
8 gr di lievito di birra fresco
40 gr di acqua
una presa di sale
semi di mezza bacca di vaniglia

Ingredienti crema
250 ml di latte intero
2 cucchiai di zucchero semolato
2 cucchiai rasi di amido di mais (io farina)
150 ml di panna fresca
150 gr di ricotta fresca messa a colare per una notte
3 cucchiai colmi di zucchero a velo
Qualche goccia di aroma di vaniglia

Io ho impastato a mano quindi:
Preparazione

  • 1
  • In una ciotola mettere le due farine setacciate, il lievito sbriciolato, lo zucchero, il latte, l’acqua, i semi della vaniglia, il sale.

  • 2
  • Inizialmente mescolare al centro con i polpastrelli e poi iniziare ad impastare per bene fino ad aver amalgamato tutti gli ingredienti e quando l’impasto sarà omogeneo aggiungere il burro (tirato fuori 10 min prima) in 3-4 volte.

  • 3
  • Continuiamo a lavorare bene. Fino ad avere un impasto lucido, morbido, elastico ed omogeneo.
    (Ci vuole olio di gomito senza impastatrice). (A fine articolo troverete il video di come dovrà essere l’impasto)

  • 4
  • Coprire la ciotola con pellicola trasparente e canovacci e lasciamo lievitare fino a che l’impasto non sarà triplicato. Ci vorranno circa 1 ora e 30 minuti, massimo 2 ore.

  • 5
  • Passato il tempo, dividiamo l’impasto in 20 pezzi da circa 20 gr. Formiamo delle palline pirlando* benissimo ogni singolo pezzo.

  • 6
  • Posizionare le palline pirlate in pirottini di carta o negli stampi per muffin e mettere a lievitare fino al raddoppio. Quando saranno pronte, cuocere in forno statico a 175° per circa 7 minuti.
    Fate la prova stecchino per essere certi che siano cotte all’interno.

  • 7
  • Nel frattempo che le palline lievitano, prepariamo la crema da mettere all’interno; quindi, mettiamo sul fuoco il latte con la vaniglia senza farlo bollire, mescoliamo lo zucchero con l’amido ed addizioniamo il latte ormai tiepido.
    Ri-mettiamo sul fuoco e facciamo addensare la crema.

  • 8
  • Quando la crema sarà ormai fredda, montiamo la panna fresca con lo zucchero a velo, setacciamo la ricotta e la uniamo alla crema al latte, aggiungiamo la panna in più volte, stando attendi ad inglobare l’aria. Quindi potete inserirla con movimenti dal basso verso l’alto.

    *[la PIRLATURA è una manovra con la quale si crea una pallina liscia e tonda che permette lo sviluppo verso l’alto durante la lievitazione. Una pallina pirlata male o non pirlata, tenderà a lievitare in larghezza piuttosto che in altezza]

    IMPORTANTE
    Per avere dei perfetti fiocchi di neve bisogna farcirli caldi.
    Quindi attendete qualche secondo ed inserite la sac a poche piena di crema, alla base dei fiocchi di neve,premendo. In questo modo, la mollica ancora calda, cede e lascia il posto al ripieno cremoso.
    La giusta quantità di crema è inserita quando la sac a poche “torna indietro” e non riuscirete a fare più pressione Il dolce si deve presentare con una sottile pasta intorno ma con tanto ripieno interno. Quindi quello della foto non è un’ esagerazione :D!
    Con l’inserimento della crema fredda, i fiocchi di neve si raffredderanno velocemente quindi si potranno spolverare con abbondante zucchero a velo prima di servirli.
    Se li preparate il giorno prima, potrete lasciarli in frigorifero chiusi con pellicola trasparente resteranno soffici e morbidi.

    fiocchi3

    Come deve essere l’impasto dei fiocchi di neve

    Dolci, Dolci e Lievitati

    Croissant sfogliati

    croissant3

    Croissant sfogliati

    E’ da tempo che mi frulla per la testa la voglia di preparare i Croissant sfogliati. Vuoi per il tempo che manca, vuoi per il terrore che non escano, vuoi che mi si è rotta la planetaria… Ho sempre rimandato fino a ieri!
    E proprio ieri, nonostante il tempo, nonostante la paura e nonostante non abbia la planetaria, ho deciso di prepararli. E bene si, a mano! Ci vuole sicuramente più tempo per rendere l’impasto bello liscio, ma si può fare.. E se ce l’ho fatta io, allora potete farcela tutti!
    Sono belli croccantosi fuori e morbidi, sfogliati e gustosi all’interno.
    Un po di presunzione? Sono più buoni, a mio parere, di quelli del bar!

    Sono partita per la tangente… venite a vede come li ho preparati <3

    croissant

    Ingredienti
    500 gr di farina manitoba
    250 mL di acqua
    12 gr di lievito di birra
    50 gr di burro
    80 gr di zucchero semolato
    50 gr di latte a temperatura ambiente
    1 bacca di vaniglia

    250 gr di burro per la sfogliatura

    latte q.b. per la copertura
    zucchero q.b. per la copertura

    croissant2

    Preparazione
    Per il poolish
    Ore 15:00

  • 1
  • In un contenitore graduato inserire 150 mL di acqua (presa dal totale), scioglierci dentro il

  • 2
  • lievito di birra girando con la coda di un cucchiaio.

  • 3
  • Aggiungere 5 cucchiai di farina circa (presa dal totale) e continuare a girare e mischiare con la coda del cucchiaio, fino ad avere un composto omogeneo, senza grumi e piuttosto denso.

  • 4
  • Lasciar lievitare per 1 ora coperto in un posto chiuso ed al calduccio.

    Per l’impasto
    Ore 16:00

  • 1
  • Passata l’ora di lievitazione del poolish che avrà raddoppiato il suo volume, inserire in una ciotola capiente la restante farina, la vaniglia, lo zucchero e mescolare con una forchetta,

  • 2
  • Aggiungere il poolish ed iniziare a mescolare con le mani,

  • 3
  • Addizionare la restante acqua, il latte e continuare a mescolare benissimo,

  • 4
  • Aggiungere il sale e impastare il tutto.

  • 5
  • Quando si sarà creato un impasto più o meno omogeneo, aggiungere il burro freddo di frigorifero ed impastare con forza fino ad avere un impasto elastico, morbido e liscio

  • 6
  • Coprire con pellicola trasparente e lasciar lievitare fino al raddoppio in luogo chiuso come il forno con la luce accesa i croissant.

    Sfogliatura
    Ore 19:00-20:00 (dipende da quanto caldo c’è in casa o nel luogo dove avete riposto l’impasto)

  • 1
  • Prima di prendere l’impasto, togliere il burro da frigorifero e posizionarlo fra due fogli di carta forno,

  • 2
  • Con l’aiuto di un mattarello, picchiettare il burro fino a farlo diventare un rettangolo spesso 1/2 cm circa.
    Posizionarlo in frigorifero 30 minuti per farlo rassodare nuovamente.

  • 3
  • Versare l’impasto su una spianatoia sporca di farina e stenderlo in un rettangolo più grande di 2/3 del burro che nel frattempo avrete preso dal frigorifero.

  • 4
  • Posizionarlo al centro dell’impasto.
    Prendete un lato corto dell’impasto e portatelo sopra e al centro del rettangolo di burro.
    Prendete l’altro lato corto dell’impasto e portatelo sopra e al centro della parte restante del rettangolo di burro senza però sovrapporre un lato di impasto all’altro.
    Chiudete a metà (a libro). Avrete così l’apertura a destra. Coprite con pellicola trasparente e riponete in frigorifero per 30 minuti.

  • 5
  • 1°PIEGA
    Passato il riposo in frigorifero, prendete il panetto e posizionatelo sulla spianatoia (con l’apertura a destra). Con il mattarello stendete l’impasto sempre per lungo.
    Prendete l’estremità del lato corto e portatela a metà della lunghezza poi prendete l’altra estremità e sovrapponete al precedente lato.
    Ruotate il panetto in modo da avere l’apertura sempre a destra.
    Coprite con pellicola trasparente e mettete in frigorifero per 30 minuti.

  • 6
  • Passato il tempo di riposo, proseguite così per almeno altre volte:
    2° PIEGA
    3° PIEGA

  • 7
  • Terminato il tempo di riposo dell’ ultima piega, prendete il panetto con sempre l’apertura a destra ed ora potete seguire due strade:
    1- O stendete per lungo e rifilate i lati per avere un rettangolo più preciso. E formate un rettangolo circa 50Lx25H. Creare i triangoli: quindi, su uno dei due lati lunghi del rettangolo e create dei triangoli isosceli.
    2- Oppure stendete il panetto fino ad avere un cerchio piuttosto grande e dividetelo in spicchi.
    Per entrambi i modi, la grandezza la decidete voi in base a quanto volete grandi i cornetti!

  • 8
  • Fate un piccolo taglietto alla base di ogni triangolo ed arrotolate avendo l’accortezza di portare la punta sotto al cornetto in modo che in cottura non si sollevi.

  • 9
  • Ora, decidete se mangiare tutti i croissant oppure decidere di congelarne qualcuno 😉 (a voi la scelta) quindi
    -quelli che volete mangiare:
    lasciate lievitare i cornetti in luogo chiuso. Nel forno con la luce accesa va benissimo.
    -quelli che volete surgelare:
    posizionateli su un piatto di plastica o su un vassoio e mettete in freezer per qualche ora, dopodiché potete inserirli in una busta per freezer.

  • 10
  • Per quelli che volete mangiare:
    Prendete un bicchierino di plastica e mettete latte e zucchero quanto basta, e con l’aiuto di un pennello spennellate sopra i cornetti.
    Infornare a 180° fino a doratura.
    Per quelli surgelati:
    Quando deciderete di mangiarli, basterà toglierli dal freezer, lasciarli qualche minuto fuori, passare una spennellata di latte e zucchero ed infornare a 180° fino a doratura.

    CONSIGLIO:
    Quando formate i triangoli, cospargete con un po di zucchero semolato prima di formare i cornetti perché effettivamente non sono dolcissimi quindi, se li volete fare dolci dolci, seguite questo passaggio 😀

    Et voilà… i nostri Croissant sono pronti per essere mangiati… ed in cucina vi resterà per giorni un buonissimo profumo… <3 croissant4
    Seguitemi nella mia pagina Facebook

    Ciambelloni, Dolci e Lievitati

    Chiffon Cake

    La cucina di Come una pentola di fagioli vi presenta la Chiffon Cake.
    Questo, è un dolce americano molto leggero e soffice.. la sua leggerezza e morbidezza si deve, oltre che all’aggiunta del cremor tartaro, anche all’albume d’uovo montato a neve e al particolare stampo che permette il passaggio di aria all’interno.. La Chiffon Cake si può mangiare semplice come in questa versione, aggiungendo una spolverata di zucchero a velo oppure può essere glassata come in quest’altra mia versione ChiffonCake glassata o utilizzata come base per delle torte o farcita come nella versione Chiffon Cake farcita
    Vi sembrerà di mordere una nuvola.

    Seguitemi in cucina, per vedere come è stata preparata..

    Chiffon Cake

    Ingredienti
    290 gr Farina tipo 00
    1 bustina di lievito per dolci in polvere
    300 gr Zucchero (extrafine possibilmente)
    2 gr Sale fino
    6 uova grandi Uova (400 gr in totale)
    200 ml Acqua
    120 ml Olio di semi
    la scorza di 1 Limone
    1 bacca di vaniglia (oppure estratto di vaniglia)
    8 g Cremor tartaro
    zucchero a velo

    ChiffonCake2

    Preparazione

  • 1
  • Per prima cosa, in una ciotola setacciamo la #farina insieme al #lievito. Aggiungiamo lo #zucchero_extrafine e il #sale.

  • 2
  • In un’altra ciotola, versate i #tuorli (tenendo da parte gli albumi), aggiungiamo l’#acqua a temperatura ambiente e l’#olio_di_semi.

  • 3
  • Grattugiamo la #scorza_del_limone e aggiungiamo i semi della #bacca_di_vaniglia. Sbattiamo con le fruste fino ad ottenere una crema omogenea. A questo punto, uniamo il composto ottenuto agli ingredienti secchi.

  • 4
  • Mescoliamo bene con una frusta, fino ad ottenere un composto cremoso.

  • 5
  • Montiamo gli #albumi che abbiamo messo da parte precedentemente e quando saranno diventati ben sodi, versiamo all’interno il #cremor_tartaro e continuiamo a montare con le fruste ancora per un po.

  • 6
  • Una volta che gli albumi saranno ben fermi, dovremmo piano piano versarli all’interno della ciotola con l’impasto dei tuorli. Mescoliamo con una spatola dall’ alto verso il basso per non smontarli (come al solito :D).

  • 7
  • Ora abbiamo l’impasto! Versiamolo nell’ apposito stampo per #Chiffon_Cake, nè imburrato e neppure infarinato! Distribuiamolo uniformemente.

  • 8
  • Inforniamo la #Chiffon_Cake in forno statico pre-riscaldato a 160° per 50 minuti. Attenzione, posizioniamo la #Chiffon_Cake nella parte bassa del forno in modo che non si bruci la superficie superiore.

  • 9
  • Passato il tempo di cottura….Sfornatelo, capovolgiamolo e poggiamolo sugli appositi piedini in modo che il dolce prenda aria e si stacchi da solo dallo stampo.

  • 10
  • Quando la #Chiffon_Cake sarà completamente raffreddata, sarà il momento di staccare la parte superiore dello stampo con un coltello affilato e pulito.

    IMG_20150712_161702

    Un vostro CLIK su “MI PIACE”, “CONDIVIDI” e “STELLINE” fa la differenza…. GRAZIE! 😀

    Dolci, Dolci e Lievitati

    Pan di Spagna

    Buooooooongiorno!!!
    Il Pan di Spagna è una delle ricette base per preparare delle buonissime e bellissime torte. Può essere farcito con tantissime creme, pasticcera, al cacao, mascarpone… Insomma, come preferite. Ognuno, come per ogni cosa, ha il suo metodo e la sua ricetta. Ma… La cosa su cui più si discute riguardo al Pan di Spagna è: il lievito! Ci va o non ci va? Bene, in teoria, per fare un bel Pan di Spagna soffice e alto non c’è bisogno di lievito. Però, nessuno vieta di poterne aggiungere per avere un risultato ancora più grande! Detto ciò… vi presento il mio Pan di Spagna:

    375 gr di zucchero
    10 uova
    scorza di un limone e/o vanillina
    195 gr di farina 00
    195 gr di fecola di patate o maizena
    1 bustina di lievito (a vostra scelta)

    Per prima cosa:

    1) Dividere i tuorli dagli albumi d’uovo in due ciotole.
    2) Montare bene i tuorli d’uovo con lo zucchero. Deve gonfiarsi e lo zucchero deve sciogliersi.
    3) Aggiungere la farina, la fecola, la scorza di limone, vanillina e il lievito(se decidete di metterlo) piano piano, in modo che non si formino grumi.
    4) Imburrare la teglia o le teglie. (Questa dose è grande).
    5) Montare con le fruste elettriche gli albumi a neve ferma con un pizzico di sale. Aggiungerli all’impasto senza fruste per non farlo smontare, dal basso verso l’alto. Dovete incorporare aria.
    6) Versare l’impasto nella teglia ed infornare a 180° per circa 45 minuti. Il tempo varia in base al vostro forno. A fine cottura fare la prova dello stecchino.

    Al suono del Timer 😀 non resta che sfornarlo, farlo freddare e sformarlo dalla teglia. Et Voilà.. è pronto all’uso.
    Il Pan di Spagna può essere utilizzato, farcito e bagnato in tantissimi modi. Zuppa inglese, zuccotti, torte varie, tiramisù, da inserire per la creazione di un millefoglie. Io questa dose l’ho usata per fare la Mimosa per i 50 anni di Matrimonio dei miei nonni <3 . Eravamo 15 persone e sono avanzate delle porzioni. Questo è il mio Pan di Spagna con lievito: Pan di Spagna (1)

    Questo è il mio Pan di Spagna senza lievito:
    Pan di Spagna (2)

    Stesso stampo.

    N.B.
    Se non vi serve tutto questo di Pan di Spagna, è ovvio che potete dividere le dosi.
    Altrimenti potete fare questa dose, utilizzare quello che vi serve e surgelare il restante. Basta chiuderlo bene con carta da forno e pellicola trasparente: non si gelerà e resterà piuttosto morbido per essere utilizzato per un eventuale dolce in futuro.

    CONSIGLIA Marmellata di prugne e zenzero

    Send this to a friend